giovedì 19 aprile 2012

L'abito non fa il monaco



Un vecchio proverbio dice “L’abito non fa il monaco”. Beh, è vero e falso. Vero perché è chiaro che ognuno si veste a seconda della propria personalità, e falso perché si tende troppo facilmente a giudicare le persone da come si vestono, e spesso si commettono grossi errori. Ed è una cosa che provo costantemente sulla mia pelle. Il mio aspetto spesso fa credere alla gente che io sia una persona frivola e superficiale. Perché? Perché sono la classica barbie bionda con gli occhi verdi in gonna e tacchi, ed essendo spesso silenziosa con le persone con le quali non mi sento a mio agio la scontata conclusione a cui giunge la gente è che io sia una persona ignorante che non sa sostenere una conversazione e che non ha nulla di intelligente da dire. Poi quando qualcuno mi vede con un libro in mano (che non è l’ultimo della Kinsella ma un saggio su temi socio-economici) si stupiscono, o pensano che sia Maritino che mi ha costretto a leggerlo. Sì, perché Maritino è intelligente (e lo è davvero! Vado molto fiera di questo, perché prima di conoscerlo ero assai stufa di essere circondata da persone ignoranti-inteso come volutamente ignoranti), io sono la bambola da esposizione. Che poi tanto da esposizione non sono, mica sono una fotomodella!
Di solito non mi curo di quello che gli altri pensano di me, ma ultimamente comincia a pesarmi il fatto di essere considerata una stupidina. Certo, perché sebbene io sia consapevole di non essere la persona più colta del mondo, so anche di non essere completamente ignorante, né stupida, né svampita. Sono una persona fondamentalmente curiosa, alla quale piace leggere ed imparare. E mi da ancora più fastidio quando a giudicarmi così sono persone talmente piene di se da credersi dei premi Pulitzer ma che potrei zittire con una frase soltanto. Solo che non lo faccio mai, per il semplice motivo che non mi va di litigare. Che poi mi chiedo perché se una persona non è il classico nerd malvestito da film di serie b non può essere intelligente. Non c’è scritto da nessuna parte che una persona intelligente debba trascurare il suo aspetto mentre una superficiale ed ignorante possa vestirsi bene. 
Si può essere intelligenti ed “attraenti”. E i giudizi feriscono. Sempre. Feriscono anche persone che come me di solito non si curano del giudizio altrui. Nessuno è immune dai pregiudizi. Maritino ad esempio, come sapete ha i capelli lunghi. Una volta uscendo dal centro commerciale è suonato l’allarme quando è uscito un ragazzo prima di lui, e la guardia di sicurezza ha fermato LUI perquisendo la borsa e controllando lo scontrino.Perché? Perché il ragazzo che ha fatto suonare l’allarme era vestito colorato e con i capelli corti, Maritino era capellone e vestito di nero. Dunque delinquente. I miei vicini di casa mi hanno dato della drogata quando mi sono lamentat che la figlia cantava alle 1.30 del mattino perché essendo in maniche corte hanno visto che ho un tatuaggio e un piercing al naso(chi non sa difendersi attacca).
Insomma, siamo nel 2012 e viviamo in un paese civilizzato (o almeno così dovrebbe essere), è ora di smetterla con la caccia alle streghe perché sappiamo tutti com’è andata a finire.

5 commenti:

suz_stars ha detto...

gran bel sfogo!d'altronde è così,e l'unica cosa che puoi fare è madare tutti a quel paese.(o comprare un lanciafiamme e ucciderli,ma mi pare poco gentile)
riguardo alle foto:quella del bimbo con la cresta è identica a una che ho fatto io al mio piccino:stessa cresta,stessa aria da duro!

Peggy Lyu ha detto...

Il bimbo con la cresta è bellissimo...ma il tuo è uno spettacolo!!!!!! (ho visto la foto di lui con la cresta)..
Più che mandarli a quel paese sarebbe da lasciarli di sasso con la dimostrazione della mia non-stupidità..

Mammola ha detto...

Che poi, se chi ti giudica, leggesse quello che scrivi vedi come la smetterebbe subito di pensare che sei la classica Barbie bionda senza cervello...che poi spesse volte a far parlare così malignamente la gente è la gelosia. Non ti curar di loro ma guarda e passa...diceva qualcuno di molto più saggio di me...e aveva ragione da vendere!!!!

Peggy Lyu ha detto...

Cara Mammola..non so se sia per invidia però ferisce. Dante aveva certamente ragione (e questa è una frase che mi ricorda sempre il compagno di mia suocera) ma certo volte è dura, perchè ci sono periodi in cui una persona ha le difese abbassate ed è più facile ferirla.
Grazie per quello che mi hai scritto. L'ho apprezzato davvero tanto! Un bacione ^-^

*La Creatività di Anna * Anna's Creative Style* ha detto...

ciao^^ bel posto...anche io la vedo cosi...l'abito nn rappresenta ciò chi si è davvero...mai giudicare del resto un libro dalla copertina...^^
ti ho risposto x quanto riguarda il brand BENECOS nel mio post baci...