venerdì 8 agosto 2014

Sanguisughe

Recentemente ho incontrato una persona che conosco da sempre, credo andassimo addirittura in asilo insieme. Ogni volta che la incontravo per strada ci salutavamo e finiva li. Negli ultimi tempi si fermava per chiedermi come sto e come mi va la vita in generale.  Questa ragazza è una brava ragazza ma è un pò strana. E' la classica "sfigatina" passatemi il termine, sembra una quindicenne nonostante abbia più di dieci anni di più e gira sempre sola con sua mamma in quanto non ha molti amici e credo che la mamma la voglia tenere ben stretta alle sue sottane. La mamma dovete sapere che non sta molto bene con la testa, e sono molto conosciute in città e non certo per essere popolari nel senso glamour del termine. Circa un mese fa mi ha chiesto il numero di telefono per andare a bere un caffè insieme. "Ok", ho detto io, pensando che un caffè non avrebbe certo comportato chissà che grossa perdita di tempo o conseguenze. Siamo andate a bere il caffè insieme quindi, ed è stato molto imbarazzante. Lei non parlava, e non si muoveva se non mi muovevo io quindi IO ho dovuto scegliere dove andare a sederci, io ho dovuto chiamare il cameriere e ordinare. Addirittura lei non ha iniziato a bere il caffè finchè io avendo quasi finito il centrifugato e visto il suo caffè intatto non le ho detto di berlo prima che si ghiacciasse. Le ho raccontato che la sera sarei andata a un concerto di amici miei e mi ha chiesto un passaggio per andarci perchè non ha l'auto e le fa paura quella strada di sera da sola (in effetti è buia). Ho accettato di darle il passaggio e da lì è successo il disastro. Lei ha preso questo semplice gesto come una dichiarazione di amicizia di sangue e mi ha scritto un sms super smieloso del tipo: "grazie mille sei davvero un amica!!! sono super felice di averti ritrovata!!! Grazie!!! :):):)" (Sì, con tutte quelle faccine e punti esclamativi)

La sera io e Maritino siamo andati a prenderla e c'è stato l'imbarazzo più totale. Lei credo che non abbia mai avuto un ragazzo e ho notato che parlare con un ragazzo la imbarazza tantissimo. Tanto che dopo il concerto il mio amico cantante l'ha baciata sulle guancie dicendole "Ciao bellissima" ed io ho avuto paura che svenisse li sul posto. Durante il concerto è stata dura per me godermi la musica e Maritino perchè ogni tre secondi lei mi voleva dire qualcosa di assolutamente fuori contesto. Credo di aver capito che l'ha fatto perchè era a disagio e emozionata. Era la prima volta che usciva la sera con un'amica ed assisteva ad un concerto (concerto di tipo 10 persone alla festa del paese, non pensato ad un concerto a San Siro). Poi riportandola a casa mi ha chiesto se la settimana dopo potevamo vederci ed io le ho detto che proprio non riuscivo. Ha risposto "Ok" e pensavo fosse finita lì.
Ma sorpresa!
Il lunedi a ora di pranzo mi telefona. Io non rispondo perchè mentre mangio non rispondo mai al telefono e il telefono continua a squillare senza fine. Vedo che è lei, silenzio la suoneria e continuo a mangiare. Il telefono continua a brillare e quando finalmente smette (credo che abbia aspettato che si attaccasse la segreteria telefonica prima di attaccare) ecco che si illumina di nuovo per un sms. Ovviamente era lei che mi chiedeva di vederci per un caffè. Le ripeto che come le ho detto quella settimana non riesco e lei mi risponde "Ah ok!:) Visto che mi sono ricordata che i tuoi amici suonano a Treviso mi porti?:) Mi piacerebbe rivederli:)". Sicuro! Da ora in poi ti faccio da taxi! Le ho detto che non ci andavo. E non ci sono andata davvero. Ma il destino deve aver deciso di tormentarmi perchè quel venerdi io e Maritino ci stavamo godendo il fresco bevendoci un buon the insieme quando lei e sua mamma sono spuntate dal nulla. Sua mamma non mi ha nemmeno detto ciao e mi è sembrato davvero strano. Poi però ho capito: lei non aveva mai visto mio marito ed io non ero in jeans e scarpe da ginnastica ma in gonna adrente e tacchi alti e ci ha squadrati con sguardo assassino per tutto il tempo. La ragazza invece non la smetteva di parlarmi ed io non sapevo come fare per farla andare via, anche perchè se ti fermi per un saluto veloce è educazione, oltre i due minuti disturbi. Tutti ci guardavano e stavano ad ascoltare le stupidaggini che diceva. Dopo dieci minuti finalmente mi saluta ma non se ne va. Silenzio imbarazzante. Poi riprende a parlare. Dentro di me urlavo "Vattene c****!!!!" ma ovviamente non potevo dirlo sul serio e di carattere mi secca far star male la gente. Riprende a dirmi quello che mi ha già detto nei dieci minuti precedenti e poi di nuovo silenzio imbrazzante durante il quale lei sorride e fa si con la testa in modo inquietante

Io davvero non sapevo cosa fare. Volevo solo nascondermi o scappare. Dopo altri cinque minuti di chiacchiere inutili durante i quali sua mamma ha continuato a guardarci come fossimo l'anti-Cristo se ne sono finalmente andate.
Oggi mi ha scritto di nuovo. Le ho risposto che ho ripreso a lavorare il pomeriggio e che Maritino è in ferie per molto tempo, sperando capisse l'antifona e la smettesse di chiamarmi. Mi ha quindi chiesto di vederci la mattina. Le ho ricordato che la mattina lavoro. Allora mi fa "Allora ci vediamo per qualche serata se ai voglia!:) Dimmi tu quando!:)" (si, hai scritto ai).
Non so davvero cosa fare. Spero che continuando a dirle che non riesco si stufi di chiamarmi. Non pensavo che per un caffè poi lei mi tormentasse così...
Il mio stato d'animo ormai è questo:
Insomma, non voglio essere cattiva, ma non posso certo essere la crocerossina di tutti.  Mi dispiace che è sola, ma se lo è è per come è fatta ed io non posso certo portarmela in giro nonostante non abbiamo niente in comune solo perchè mi dispiace per lei.
Avete mai incontrato persone così?

4 commenti:

Fabrizia Morello YR ha detto...

Io no, ma immagino quanto debba sentirsi sola e magari in balia della mamma questa persona. Capisco benissimo il tuo punto di vista e conoscendomi, reagirei proprio come te, però penso anche che forse questa tipa ti sta chiedendo un aiuto proprio perchè invece ti vede così indipendente e sicura. Non so che consigliarti se non di fare come ti senti tu, senza forzarti per senso di dovere o altro. Bacio

Peggy Lyu ha detto...

Vedi Fabrizia, io sono una persona che tende ad aiutare tutti. Ma in questo caso penso che il problema psicologico ci sia davvero, e io non ho i mezzi nè le capacità per aiutarla. Mi dispiace davvero per lei, ma davvero non posso fare niente. E onestamente non me la sento si prendermi in carico anche i suoi problemi, quando ne ho già tanti di miei. Devo imparare ad essere un pò egoista per proteggere me stessa una volta tanto.
Grazie per le tue parole però! Forse non te ne sei resa conto ma mi hai detto una cosa che mi ha dato una bella carica positiva... Bacio

Moky ha detto...

Mi è capitato con una mia ex compagna di classe, l'ho ritrovato per caso in una ditta in cui io e marito eravamo andati a cercare lavoro, allora eravamo artigiani. Da quel momento me la ritrovavo sul cancello di casa ogni volta che ne aveva voglia. Non era una psicopatica per fortuna, aveva dei problemi anche lei, ma non così gravi. Comunque sono riuscita a pedinarla quando ho traslocato..MA...c'è un destino avverso che ci insegue...ho scoperto che i suoi genitori hanno la casa delle vacanze vicino a noi...Non ti dico...quando loro ci sono non esco nemmeno di casa per paura che mi vedano e mi riconoscano.
Come sto messa male!!!

Peggy Lyu ha detto...

@Moky: Io ieri sono tornata nel famoso bar, ma sono andata a sedermi dentro stando ben nascosta dalla vista della porta, che controllavo ogni 5 minuti per paura che apparisse lei...
In effetti ora ho paura che siccome le sto dicendo che non ho tempo per uscire mi dica "Vengo a trovarti a casa!"