martedì 5 agosto 2014

Guastafeste

Quante volte vi è capitato nella vita di essere super felici per qualcosa e poi sbattere letteralmente la faccia a terra perchè qualcuno ha deciso di rovinarvi la festa?
A me è capitato spessissimo, e la maggior parte delle volte è stata proprio la mia famiglia a fare da guastafeste, anche se non con cattiveria.
Come ogni volta che portavo a casa un voto alto e mi sentivo rispondere "Ma so già che sei brava!" quando mi lamentavo che a mia sorella venivano fatti mega complimenti per un semplice 6. Si, lo so anch'io di essere brava vista la pagella, ma sentirmelo dire ogni tanto non mi fa certo schifo...
Ma sono stati due gli episodi che ancora oggi mi fanno star male. Uno è così vecchio che Maritino continua a chiedermi perchè ci rimugini ancora sopra ed un altro più recente e che davvero mi ha fatta piangere.

Quand'ero in terza elementare tutta la classe ha partecipato ad un concorso di pittura. Io ero presissima dalla cosa, tanto da passare la ricreazione nell'aula di disegno per completare la mia opera (che con occhio più maturo ho scoperto aver ribaltato tutte le regole del disegno..tipo che in teoria i colori più scuri vanno in primo piano e i più chiari in lontananza in un paesaggio ed io ho fatto esattamente il contrario). Quel quadro è ancora appeso nella mia vecchia camera a casa dei miei. Insomma, un bel giorno il preside entra in classe ed interrompe la lezione per consegnarmi una lettera che mi dice di leggere a voce alta. Io terrorizzata di aver combinato chissà cosa mi alzo, apro la busta e inizio a leggere con voce tremante: "Signorina ******* siamo felici di comunicarle che ha vinto il PRIMO PREMIO DEL CONCORSO *****". La maestra e gli amici hanno iniziato ad applaudire ed ecco, tra le voci che si complimentavano alzarsi alcune fuori dal coro: "Eh certo, te l'ha fatto la maestra!". Non avete idea di come mi sia sentita. Io che ho un'autostima scarsissima, finalmente avevo vinto qualcosa ed il momento di gioia è stato rovinato dai miei compagni invidiosi. Ed il bello è che ancora oggi a tipo 17 anni di distanza se li incontro ancora tirano fuori questa storia e ancora dicono che il disegno me l'ha fatto la maestra. Non lo so perchè la gente prova gusto a farmi restare male. Sanno quanto sono sensibile eppure non perdono occasione per farmi restar male.

Ma il peggio è venuto tre anni fa. Quando io e Maritino abbiamo comunicato a famiglia e amici che volevamo sposarci. Potete immaginare da voi... la prima reazione di quasi tutti è stata :"Sei incinta?!" Perchè? Io non mi posso sposare se non sono incinta? Cioè, non sono abbastanza per Maritino e devo essere incinta perchè lui mi sposi? Ho pianto di più nei mesi precedenti il matrimonio che negli 8 anni che io e Maritino stiamo insieme. Io ero felicissima di sposarmi, e non vedevo l'ora di farlo sapere a tutti e sentirmi dire "Cos'è tutta questa fretta? Peggy Lyu è incinta?" mi ha ferita come una bomba atomica nel cuore. Non potevano solo essere felici per me e Maritino oppure pensarlo ma non dirlo a voce alta?

A voi quali momenti felici sono stati rovinati?

4 commenti:

Susan Moretto ha detto...

i parenti sono i più perfidi solitamente. magari non lo fanno con cattiveria(o magari anche sì),ma intanto lo fanno.
il mio momento peggiore è stato proprio con i miei genitori, quando ho pubblicato il primo romanzo. ma Peggy lo sa già ;)

Peggy Lyu ha detto...

@Susan: dai tuoi non mi aspettavo niente di diverso purtroppo... Ma ci sono io a supportarti per 100 persone! :)

Moky ha detto...

Il matrimonio è stato rovinato anche a me, con la stessa frase. Ricordo che me lo chiese anche una cara amica e per ripicca non l'ho invitata al matrimonio. Mi ha proprio indispettito.
Mia mamma quando portavo a casa un bel voto era solita dirmi: Non potevi prendere di più? Oppure: Ma Laura quanto ha preso? Una mia compagna secchiona che ero arrivata ad odiare per i continui paragoni.
I parenti mi hanno rovinato un sacco di belle cose, con commenti pungenti e inappropriati, sono arrivata a tal punto che ora non racconto più niente e quando parto per le vacanze lo dico poche ore prima, così non ho il tempo di ascoltare le loro cattiverie.

Peggy Lyu ha detto...

@Moky: e non ti ho detto di quello che mia mamma ha detto sul mio vestito al matrimonio! Ma ne parlerò in un'altra puntata :)
Comunque faccio come te... se ogni volta che faccio qualcosa di bello devo avere paura che me lo rovinino preferisco tenermi le cose per me